ITIA

ITIA (coordinatore del progetto)

Ha competenze in diversi ambiti high-tech come microsistemi, sistemi meccatronici, robotica, sistemi di controllo adattativi, prototipazione virtuale e simulazione integrata di sistemi meccatronici. Apporterà nel progetto competenze in: 

  • Concezione ed ottimizzazione di dispositivi innovativi, sviluppo di sistemi di controllo aperti, controllo in forza di robot, sia industriali che medicali, sviluppo di soluzioni per la condivisione dello spazio operativo uomo-robot. 
  • Sviluppo, sperimentazione e validazione di prototipi orientati alla riabilitazione robotizzata
  • Sviluppo di ambienti digitali volti alla realizzazione di nuovi modi di collaborazione  realizzati avvalendosi della competenza di designer ed esperti di fattori umani 

Ruolo nel progetto:

  • Sviluppo di due dispositivi robotizzati per la riabilitazione dell’arto superiore: uno esoscheletro per supporto e controllo completo dell’arto del paziente, dotato di accorgimenti innovativi per la compensazione dei movimenti della spalla e del gomito (OR2.1); un prototipo, di tipo end-effector, concepito specificatamente per l’uso in ambiente domiciliare (OR2.2)
  • Sviluppo di ambienti digitali a supporto del processo riabilitativo (OR2.3).
  • Definizione ed implementazione di un modello biomeccanico (OR3.4) sulla base del quale sarà possibile identificare indici per una valutazione pre/post terapia
  • Sviluppo di metodi per l’analisi dei segnali cinematiche ed elettromiografici (OR3.2). 

» www.itia.cnr.it 

 

IBFM

IBFM

è caratterizzato da una forte multidisciplinarietà di competenze, tra le quali, attinenti al presente progetto:

  1. Bioimmagini e bioingegneria: messa a punto e applicazione di metodi per imaging, per lo studio e per la diagnosi dei meccanismi fisiopatologici di malattia e il monitoraggio e la valutazione degli effetti di trattamento. Strutturazione del sapere medico. Sviluppo e validazione di algoritmi di analisi di dati e immagini.
  2. Fisiopatologia dell’esercizio: si studiano le risposte cardiovascolari, ventilatorie e metaboliche all’esercizio muscolare e gli aspetti meccanici ed energetici del movimento e della locomozione in soggetti sani e patologici.
  3. Neurofisiologia: si studia lo stato funzionale del sistema nervoso centrale nell’uomo; in particolare, si indaga sui meccanismi neurali correlati all’attività motoria, in condizioni fisiologiche e patologiche. 

Ruolo nel progetto:

Queste competenze saranno indirizzate, nel progetto, alla messa a punto di strumenti per l’estrazione di indici sintetici quantitativi di caratterizzazione morfo-funzionale del paziente (OR3.1) e per la caratterizzazione biomeccanica, energetica e metabolica della sua funzionalità muscolare (OR3.3). IBFM infine coordinerà l’attività di sperimentazione della piattaforma sui pazienti e di valutazione della sua funzionalità (OR1.3).

» www.ibfm.cnr.it

 

IENI Lecco

IENI, Lecco

Lo IENI - Unità di Lecco si occupa da oltre 20 anni di leghe metalliche innovative studiandone i processi di sintesi con diverse tecnologie fusorie, la lavorazione e deformazione e la completa caratterizzazione fisica e microstrutturale. l’Unità è forte di una competenza specifica sulle leghe a memoria di forma (SMA) che va dalla ricerca di base allo studio di nuove applicazioni delle stesse Dal 2004, tra i primi a livello internazionale, sviluppa progetti di ricerca multidisciplinari sull’uso delle SMA nel campo della riabilitazione collaborando alla realizzazione di dispositivi biomedicali per l’ortopedia, la neurochirurgia e la chirurgia vascolare. L’Unità di Lecco si avvale infatti di ricercatori con specifiche competenze sia in scienza e tecnologia dei materiali che in bioingegneria ed ha, coerentemente con i target del progetto, esperienza specifica nella progettazione di dispositivi per la movimentazione passiva degli arti ed il contrasto, tramite tutori dinamici, delle contratture muscolari associate a sindromi spastiche e nella valutazione dei risultati delle terapie di riposizionamento e nell’indagine dell’impatto della movimentazione passiva a livello della corteccia cerebrale. 

Ruolo nel progetto:

Nel progetto, IENI Lecco, oltre a fornire competenze abilitanti sulla scienza e tecnologia dei materiali e la bioingegneria contribuirà allo sviluppo di dispositivi ortesici sensorizzati e dispositivi basati su materiali funzionali, alla formulazione di indici per la loro valutazione, e alla modellazione della loro interazione con il corpo del paziente. Avrà responsabilità anche nella formulazione di linee guida per l’uso della piattaforma riabilitativa in ambiente domestico, e coordinerà le attività di formazione delle competenze e diffusione dei risultati progettuali.

» www.ieni.cnr.it

 

 

AREA PRIVATA
YouTube

Latest news

  • Maker Faire European Edition - RAINews24

    Maker Faire European Edition - Successo di pubblico e contatti

    Leggi tutto...

  • Maker Faire European Edition - Roma

    Visita il nostro stand al Maker Faire di Roma!

    Leggi tutto...

  • Evento Conclusivo del Progetto Riprendo@home

    Il progetto Riprendo@home: Recupero post-Ictus, Piattaforma per la RiabilitazionE si sta avviando alle sue...

    Leggi tutto...

  • Partecipazione Congresso "High-tech in neuroriabilitazione infantile: traguardi e sfide"

    Nei giorni 24 e 25 settembre 2015 si terrà presso l'Istituto E.Medea di Bosisio Parini il...

    Leggi tutto...

ITIA IENI Lecco IBFM
ITIA IENI Lecco IBFM