Referente scientifico:

Partner:
Distretto Tecnologico Aerospaziale DTA S.C.a.r.l. (IT)
STIIMA-CNR (IT)
ENEA (IT)
Università del Salento (IT)
Enginsoft SpA (IT)
GE AVO SpA (IT)
Politecnico di Milano (IT)
Politecnico di Bari (IT)
Novotech S.r.l. Aerospace Advanced Technology (IT)
UmbraGroup S.p.A. (IT)
ELFIM S.r.l. (IT)
UKE Università Kore di Enna (IT)
HB Technology S.r.l. (IT)
Istituto di Ricerca Ingenia S.r.l. (IT)

Tipologia: Nazionale - PON

Anno fine: 2021

Anno inizio: 2019

Durata: 2,5

Costo complessivo: € 7.694.376,68

Finanziamento complessivo: € 3.824.188,32

Costo CNR: € 240.318,00

Finanziamento CNR: € 120.159,00

Costo STIIMA: € 240.318,00

Finanziamento STIIMA: € 120.159,00

SIADD - Soluzioni innovative per la qualità e la sostenibilità dei processi di additive manufacturing

SIADD, avviato l’1 luglio 2019, si propone di migliorare la qualità e la sostenibilità manifatturiera di alcuni processi di Additive Manufacturing (AM) di materiali metallici, compositi e multi-materiale metallo/composito.
L’obiettivo verrà perseguito mediante un’ampia attività di ricerca industriale finalizzata a:

  • ridurre significativamente le difettosità generate dai processi di AM di metalli;
  • implementare soluzioni innovative di monitoraggio del processo produttivo;
  • ottenere un significativo alleggerimento delle strutture metalliche;
  • studiare i processi produttivi, con focus sul design dei materiali e simulazione di processo;
  • studiare la sostenibilità manifatturiera dei processi AM, valutando sia la potenzialità economica che la relazione costi/benefici e fornendo un efficace modello di business.

Le unità di ricerca (UdR) di STIIMA-CNR sono impegnate in 3 degli 8 OR del progetto. Nell’ambito degli OR5 e OR6, l’UdR di Bari, in collaborazione con l’ENEA di Brindisi, sta investigando materiali innovativi, compositi e composito/metallo, al fine di migliorarne le proprietà meccaniche e chimico-fisiche, per applicazioni nel settore aeronautico e marino. I materiali dovranno essere idonei per la produzione additiva con le tecnologie individuate (Automated Fiber Placement AFP e Continuous Fiber Fabrication CFF) e avere ottima adesione a superfici metalliche realizzate dai partner di progetto tramite tecnologie additive. Nell’OR5 il focus è sul processo di lavorazione e sui materiali compositi mentre nell’OR6 l’obiettivo è sviluppare componenti in bi-materiale composito/metallo ad alte prestazioni e pesi ridotti. Inoltre, l’UdR di Milano si occupa dello sviluppo di modelli di business per la sostenibilità delle tecnologie sviluppate.