Referente scientifico:

Partner:
CNR-STIIMA (IT)
PROTOM S.p.a. (IT)
Lin up S.r.l. (IT)

Tipologia: H2020

Anno fine: 2021

Anno inizio: 2018

Durata: 36 mesi

Costo complessivo: € 1.196.250,00

Finanziamento complessivo: € 987.375,00

Costo STIIMA: € 500.000,00

Finanziamento STIIMA: € 500.000,00

Coordinatore: CNR-STIIMA

Vision-based Inspection System for automated Testing of Aircraft interiors

Il controllo di qualità dell’interno degli aeromobili è un compito solitamente demandato a operatori umani. L’automazione è cruciale al fine di garantire livelli di consistenza e accuratezza nel risultato delle misure. VISTA apporta innovazione nel settore introducendo strumenti e procedure per il controllo di qualità degli interni, con un alto livello di automazione. Allo stesso tempo riconosce e valorizza il fattore umano, in quanto le tecnologie sono pensate per affiancare l’operatore, fornendo misure oggettive su cui prendere decisioni. Il progetto mira al controllo di qualità post-assemblaggio delle componenti interne dell’aereo sia nella zona passeggeri sia in quella cargo. Questo obiettivo è perseguito attraverso una piattaforma integrante più sensori e algoritmi di analisi. Telecamere 3d e a colori sono integrate su una piattaforma mobile a guida autonoma al fine di raccogliere le misure attraversando sia la zona passeggeri sia quella cargo. I dati acquisiti sono quindi utilizzati da algoritmi di alto livello capaci di verificare se la disposizione dei pannelli (hatracks, sidewall e pannelli cargo), in termini di posizionamento, gap e flush, soddisfano determinati criteri. In aggiunta, il sistema verifica se le superfici presentano graffi o altre anomalie. I risultati dell’ispezione sono resi disponibili agli ispettori di qualità attraverso opportune interfacce in grado di fornire valore aggiunto durante il processo. Gli operatori che lavorano in presenza possono utilizzare dispositivi indossabili, come Hololens, per avere informazioni dettagliate, mentre fisicamente ispezionano i pannelli. Vi è valore aggiunto anche quando si lavora da remoto con una interfaccia operante su tablet o computer con cui si può virtualmente navigare e ispezionare gli interni dell’aereo, quando si vuole, dove si vuole.